human resources science
human resources science
Reverse logo Mobile menu

Lo Scout.
Professionista puro.

Lo Scout è un professionista esterno a Reverse che collabora con noi durante i processi di ricerca e selezione del personale, ed è la figura chiave del Recruiting Collaborativo. E' un profilo altamente specializzato nelle competenze che stiamo cercando nei candidati, e il suo punto di vista ci aiuta a dare oggettività al processo di recruiting. Oltre a seguire i colloqui tecnici aiuta gli Head Hunter dell'Industry Team ad orientarsi nell'oceano delle competenze tecniche, dando consigli sul settore di riferimento, sui bacini a cui attingere talenti ed estendendo i canali di ricerca attraverso il proprio network.

Lo Scout è innamorato del suo lavoro e del suo settore. Ama confrontarsi con i candidati riguardo alle loro competenze, alle nuove tecnologie e metodologie. Scrive con passione i report che compila dopo ogni colloquio, trasmettendo al cliente il vero valore dei candidati. Anche i candidati si sentono capiti e valorizzati, e vivono una candidate experience senza paragoni, che chiediamo loro di valutare con un feedback al termine di ogni colloquio. Essere Scout significa avere un ruolo chiave nel recruiting di talenti, e condividere con noi un'esperienza che arricchisce sia come professionisti che come persone.

Reverse
Reverse

"Abbiamo creato un network di centinaia di manager e professionisti tecnici in grado di valutare le competenze dei candidati esattamente come farebbe lo staff interno dell'azienda che sta assumendo. È la preziosa figura dello Scout." Simona Zemignani, Delivery Manager

Come si diventa
Scout.

Il primo step per entrare nella nostra squadra di Scout è candidarsi. Una volta completata la registrazione, saranno i nostri Head Hunter ad approfondire la conoscenza. Gli Scout sono professionisti di alto livello, con esperienza nella selezione di figure per la loro area, in grado di accertare le competenze tecniche dei candidati. Per questo è necessario avere una seniority di diversi anni e aver già partecipato a processi di recruitment all'interno della propria azienda. Un'altra qualità di rilievo è occupare o aver occupato ruoli che comportino la gestione di team di collaboratori.

Una volta diventati Scout saranno gli Headhunter a coinvolgerli nei mandati in cui la loro esperienza può essere preziosa. In questi casi la tempestività nella risposta ci fa preferire alcuni Scout rispetto ad altri, perché il tempo è un fattore chiave per i nostri clienti. Per non interferire con la sua normale attività aziendale, i colloqui tecnici con lo Scout si svolgono in video call al di fuori degli orari di lavoro.

Il contributo prezioso
dello Scout.

All'interno del mandato lo Scout collabora ad attività determinanti per il successo della ricerca e selezione: ci aiuta a scrivere una job description ingaggiante per i candidati, suggerisce quali bacini di ricerca possono offrire i candidati migliori, ci affianca in un pre-screening dei cv e soprattutto dirige il colloquio tecnico da cui si genererà un report relativo alle hard skill dei candidati finalisti. In questo modo aiuta l'Industry Team di Head Hunter ad accompagnare le aziende durante tutto il percorso selettivo.

Gli Scout con cui collaboriamo in tutta Europa
sono ormai centinaia, ecco i feedback di alcuni di loro:

"La mia esperienza riguarda un'area abbastanza circoscritta e relativa al mondo ceramico, sia nella produzione di piastrelle che nella produzione di smalti e colori ed addittivistica legata all'area ceramica. Mi è piaciuta la possibilità di fare interviste e spero siano servite a trovare la persona giusta." Claudio Gardenghi, Assistente Tecnologico laboratorio di ricerca

"Le persone fanno le aziende: trovare quelle giuste è una delle sfide più difficili di ogni manager. Fare lo Scout ti tiene in allenamento sui molteplici ruoli del mondo ICT." Samuele Gallazzi, Sales Executive

"La prima volta che ho collaborato con voi è stato entusiasmante. Si trattava di una posizione alta per una banca. Anche se ero molto carico di lavoro e facevo fare i colloqui dopo le otto di sera alla fine è stata scelta la persona giusta, e questo mi ha dato davvero molta soddisfazione." Franco Fassio, IT Project Manager

Che caratteristiche devo avere
per fare lo Scout?

Gli Scout sono professionisti, non diretti dipendenti di Reverse, con un'elevata esperienza in una determinata competenza tecnica. Sono team leader, senior manager, figure di rilievo all'interno della loro azienda. Oltre alle capacità tecniche e manageriali, gli Scout devono saper anche gestire un colloquio di selezione. Proponiti come Scout e valuteremo la tua candidatura.

Che cosa fa lo Scout?
Come si diventa Scout?
Se dovessi diventare Scout potrò ancora candidarmi a posizioni aperte gestite da Reverse?
Dovrò essere sempre disponibile qualora voleste affidarmi un incarico?
Vi sono situazioni in cui non potrò fare lo Scout?
Con che forma contrattuale pagate lo Scout?
Come funziona l'affidamento degli incarichi di lavoro agli Scout?

HR Trend: iscriviti alla nostra newsletter
per conoscere oggi i trend di domani.

Affidaci una selezione
Headhunting
Discover
Candidate Experience Next Diventa Reverser Magazine Contattaci